Biography

Author Picture

Mario Spinella

Nasce a Varese il 17 marzo 1918 da madre umbra e padre calabrese. A Messina trascorre l'infanzia e l'adolescenza per giungere a Pisa, studente in lettere alla Normale. Laureatosi con una tesi su Guicciardini, nel 1941 è ad Heidelberg, lettore d'italiano all'università. Il cursus honorum del giovane studioso subisce una netta lacerazione, la stessa subita da milioni d'italiani: nel 1942 partecipa alla disfatta dell'esercito italiano in Russia.
Scampato all'abbraccio della morte russa, nel 1943 entra nella Resistenza, nelle cui fila militerà sino alla Liberazione. Il biennio successivo all'8 settembre lo segnerà almeno quanto l'esperienza nell'A.R.M.I.R ; a Firenze, ove è inquadrato nella Divisione Arno, dirigerà il Giornale di Radio Firenze.
La ricostruzione lo vede impegnato direttamente nell'organizzazione del più grande partito di massa italiano: è segretario di Togliatti, quindi dirige la Scuola Quadri delle Frattocchie.
Gli anni sessanta lo vedono defilarsi dallo scenario politico per dedicarsi completamente allo studio ed alla scrittura. Come redattore di "Rinascita" e poi, nel corso degli anni, di "Utopia", del "Piccolo Hans" e di "Alfabeta", si occuperà, sempre col medesimo rigore, di psicoanalisi e di letteratura, di poesia e di filosofia.
L'ampia prospettiva di interessi scientifici non gli farà mai dimenticare gli studi gramsciani: Spinella studia Gramsci per tutta la vita, ed è, forse, l'unico punto fermo nella sua frenetica vicenda di curioso vero.
Dal 1968 al 1987 pubblica i seguenti romanzi:
Sorella H., libera Nos (1968);
Conspiratio Oppositorum (1971);
Memoria della Resistenza (1974);
Le donne non la danno (1980);
Lettera da Kupjansk (1987, Premio Viareggio).
L'ultima sua opera, inedita, è il romanzo Rock.
Muore a Milano il 6 aprile 1994. Aveva 76 anni.

Dal fondo Mario Spinella Comune di Suzzara